Caricamento

Vacanza in Val di Fassa coi bambini: le 10 cose imperdibili

Dolomiti

Sono da poco tornata dalla mia seconda vacanza in montagna con i bambini e non so proprio da dove cominciare per esprimere la bellezza della vacanza. L’anno scorso con Gemma di 3 anni e mezzo e Duccio di 6 mesi era la nostra prima volta in montagna e siamo andati in Val Rendena, a Madonna di Campiglio. Ci è piaciuto talmente tanto che quest’anno abbiamo deciso di tornare ma scegliendo Canazei, in Val di Fassa. Con due bambini di 4 anni e mezzo e 1 anno e mezzo siamo riusciti a fare tantissime cose: il segreto per non farli annoiare è alternare le passeggiate (ce ne sono tantissime ma poche da fare con il passeggino, vi consiglio  di usare lo zaino porta bimbo, come abbiamo fatto noi) a tante altre attività che offre la Val di Fassa.

Ciampac

Le cose da raccontare sarebbero così tante che non mi basterebbero mille post ma cercherò di sintetizzare qui di seguito le 10 cose imperdibili da fare in Val di Fassa con due bambini piccoli:

1 Passeggiata alla Malga Aloch. A Pozza di Fassa si parcheggia la macchina e da lì, con un breve sentiero nel bosco (20 minuti di piacevole passeggiata da fare con bimbo nello zaino) si arriva in questa bellissima malga. Oppure potete arrivarci anche in macchina ma perde tutto il suo fascino! Qui c’è l’azienda agricola e la stalla con le mucche, un delizioso spaccio che vende latte appena munto, yogurt e miele, speck e salumi di tutti i tipi e formaggi. Poco più in là c’è la malga con il ristorante al chiuso e una bella terrazza sui monti con piccolo parco giochi (altalene, scivolo e sabbiera molto apprezzata dai bimbi piccoli). Noi ci siamo tornati due volte perché fanno tante attività molto belle (appena arrivate chiedete il programma perché è meglio se prenotate). Una volta abbiamo visto come fanno il formaggio, un’altra Gemma ha partecipato con altri bambini alla mungitura delle mucche. Una bellissima esperienza che si svolge due pomeriggi a settimana dove ai bimbi viene prima preparata un’ottima merenda a base dei loro formaggi e salumi. Poi, insieme al vaccaro, i bimbi si cimentano nella mungitura delle mucche e infine danno il biberon ai vitellini. L’attività dura fino alle 19 inoltrate quindi noi abbiamo deciso di fermarci lì a cena: una delizia per il palato! Abbiamo provato il loto tagliere di formaggi e salumi, la polenta con formaggio fuso e i loro yogurt con frutti di bosco.

Malga Aloch

2 Cascate nella Valle di San Nicolò. Si arriva con la macchina fino a Mezzaselva, località vicina a Pozza di Fassa. Qui c’è un parcheggio e poi parte una bella passeggiata che porta su alle Cascate: la prima parte è asfaltata quindi perfetta da fare anche con il passeggino. Si fa una prima tappa alla Baita Ciampieè a 1826 metri, ci si rifocilla e si riparte per altri 40 minuti buoni. Questa seconda parte del percorso però, è sterrato e in salita quindi meglio farlo con lo zaino o almeno con il passeggino da trekking (noi avevamo quello normale e abbiamo fatto parecchia fatica). In alternativa c’è un comodo trenino che noi abbiamo preso al ritorno e collega il paesino di Pozza al primo rifugio. Una volta arrivati alle cascate a 2000 metri, però, la fatica viene ripagata dal paesaggio e dalla frescura delle cascate. Il grande prato vista cascate è ideale per un bel pic-nic. Infatti noi ci siamo portati i panini, un plaid e siamo rimasti lì qualche ora a goderci la giornata.

Piscina Doloandes. Chiamarla piscina è riduttivo. Si trova nel centro di Canazei ed è ideale per famiglie con bambini, anche molto piccoli come Duccio. Ha una piscina per nuotare, due piscine con idromassaggio (una interna e una esterna), una piscina con acqua bassissima con scivolo e giochi per bambini e un mega scivolo esterno. Al piano di sopra c’è anche l’area benessere per adulti. Noi ci siamo andati nel giorno in cui pioveva e ci siamo divertiti tantissimo tutti e quattro.

Canazei

4 Buffaure. Da Possa di Fassa si prende la cabinovia e in pochi minuti si arriva a 2.000 metri al Buffaure dove si può fare una bella escursione con percorsi dedicati ai bambini. Qui fanno molte attività oppure si possono fare autonomamente i due percorsi Un bosco di emozioni e Il sentiero incantato alla scoperta delle tradizioni ladine attraverso il “giocalibro” che ci hanno consegnato gratuitamente alla cassa della cabinovia. Ci sono sette prove di abilità da superare lungo il percorso: il lago stregato, il percorso con i Krampus in agguato; il gioco delle parole misteriose; il castello incantato, il memory delle maschere ladine, la teleferica e il Salvan nascosto nel bosco. In tre ore i bambini sono riusciti a farle tutte e poi ci siamo goduti un bel pranzo in malga da leccarsi i baffi: polenta con porcini e fonduta di formaggio, gnocchi al daino, cervo in umido, torta sacher e strudel di mele.

5 Ciampac. Da Alba si prende l’omonima funivia e si arriva a 2.160 metri dove si può godere di un panorama unico, uno dei più belli del Trentino perché da qui si possono ammirare la Marmolada e il gruppo del Sella con il Piz Boé, il Sassolungo e il Sassopiatto.  Qui c’è il parco giochi gratuito con giochi, gonfiabili e alcune piccole fattorie con caprette e asinelli a cui dare da mangiare. Da questo punto partono vari percorsi per belle passeggiate ma noi abbiamo preferito rimanere al rifugio alpino Tobià del Giagher a goderci dolci prelibati mentre i bambini giocavano felici in alta quota.

Ciampac

6 Ciampedie. Da Vigo di Fassa si prende la funivia Catinaccio e si arriva a 2.000 metri al Kinderpark Ciampedie, il vero paradiso di giochi per bambini. Se preferite questo è anche il punto di partenza per delle belle escursioni oppure, come abbiamo fatto noi, potete provare il bel parco giochi a pagamento con gonfiabili, giostra, sabbiera, altalene, scivoli e giochi creativi che organizzano tutte le mattine. Anche qui fanno servizio di baby parking mentre il pomeriggio si balla, si ascoltano le fiabe e si percorrono sentieri per bambini. Gemma non voleva più venir via da qui!Val di Fassa

7 Fassapark e passeggiata in bici. Tra Canazei e Capitello c’è questo grande parco giochi che si chiama Fassa Park. E’ molto amato dai bambini perché ci sono gonfiabili interni (ideali per quando piove), i tappeti elastici e poi i giochini vari. Organizzano molti laboratori e e fanno anche il servizio di baby parking. All’interno c’è il noleggio bici Bikeasy e così noi abbiamo affittato la bici elettrica con un carrellino da due (per Gemma e Duccio) e abbiamo percorso diversi chilometri nella bella pista ciclabile che collega Canazei a Moena. E’ una ciclabile bellissima e sicura e si possono fare delle tappe perché spesso ci sono dei parchi giochi con tavoli e panchine dove fermarsi. Poi siamo tornati al Fassapark dove abbiamo pranzato e il pomeriggio siamo rimasti lì al parco dove i bambini hanno giocato serenamente tutto il pomeriggio mentre noi prendevamo il sole sulle sdraio e bevevamo ottime birre Dolomiti.

Biciclettata8 Parco avventura e gita a cavallo a Campitello. Se i vostri figli sono coraggiosi o se lo siete anche voi, questo è il posto giusto! Ci sono percorsi avventura per tutte le età e tutte le difficoltà. Per il fratello Duccio c’erano anche tanti giochi con scivoli e altalene. Accanto al parco avventura c’è la Charlotte horse riding che organizza gite a cavallo per grandi e piccini anche prenotando all’ultimo minuto. Gemma ha fatto due passeggiate con il pony, una da sola con un maestro e una con il babbo. Le è piaciuto tanto.

9 Malga Peniola e Moena. Un giorno siamo andati a visitare la vicina Moena anche perché lì c’era il ritiro della Fiorentina. Il paesino è delizioso ma la mattina ci siamo concessi una bella passeggiata. Abbiamo lasciato la macchina a Malga Panna, poco sopra il paese, e da lì, in una quarantina di minuti abbiamo raggiunto l’incantevole Malga Peniola immersa nel verde. Ci sono asinelli e cavalli, un piccolo parco giochi e si mangia da Dio!

Malga Peniola10 Trenino Canazei-Penia con visita alla segheria. Quando i bambini sono stanchi, per alternare alle passeggiate, è una valida alternativa. Si prende nel centro di Canazei e dura un’ora. Attraversa Canazei e poi arriva alla bella frazione di Penia, passando dentro una stradina che costeggia un freschissimo torrente d’acqua. Poi si ferma ad una segheria dismessa dove si può fare una piccola visita e infine porta a visitare la deliziosa Penìa, dove sembra di essere davvero in un’altra epoca. Casette, prati verdi e mucche dovunque. Per un attimo mi è sembrato di essere Heidi!

Malga Peniola

Silvia Mastrorilli (Firenze, 2 agosto 2018)
@Silvia80Silvia

Leave a Comment