Caricamento

Alla principessa Gemma che domani compie 5 anni

Principessa Gemma,

domani compi 5 anni e finalmente arriverà il giorno della tua festa. Da mesi la stai programmando: ad agosto mi avevi già preparato la lista degli invitati, il tema della festa e tutto quello che ti sarebbe piaciuto fare.

In questo sei uguale a tuo padre: ti piace stabilire tutto con anticipo e nei minimi dettagli.

Se penso che sono già passati 5 anni da quella domenica mattina quando, con il babbo, ci svegliammo presto e andammo in ospedale senza dire niente a nessuno. Avevamo il parto programmato ed io non vedevo l’ora di vederti. Ricordo che il 12 gennaio 2014 c’era un sole bellissimo e non era così freddo come quest’anno. Arrivammo a Careggi in pochi minuti, la strada era deserta e mi sembrò di buon auspicio. Appena sei nata eri già così bella che non potevo crederci, un viso simpatico e bellissimo, vispo e dolce allo stesso tempo, come sei ancora oggi.

Sei stata una neonata ‘movimenta‘ fin da subito: mille problemi con l’allattamento, in casa non volevi mai dormire e ricordo che, nonostante il rigido inverno, dopo pranzo ti mettevo nella carrozzina e facevo chilometri a piedi per farti addormentare. Hai sempre dormito poco, proprio come ora: hai troppa smania di vivere e continui a ripetermi che dormire è noioso!

Con te ho imparato ad essere mamma e all’inizio non è stato facile. Ma mi hai insegnato così tanto che oggi, se mi guardo indietro, capisco che sono tanto migliorata e molto lo devo a te. Mi hai insegnato il sacrificio e la pazienza, parole per me sconosciute prima del tuo arrivo.

Poi sei cresciuta, e a due anni e mezzo già parlavi perfettamente, raccontando Cenerentola dall’inizio alla fine. Sono riuscita a trasmetterti fin da subito la mia passione per i libri e ancora oggi rimane uno dei tuoi regali preferiti tanto che già conosci a memoria tutte le storie della Disney.

Quando, a 3 anni, è arrivato tuo fratello Duccio, tu sei stata la migliore sorella che potessi augurarmi per lui: sempre premurosa, amorosa, mai un gesto di gelosia nei suoi confronti. Solo un po’ di normale ‘mammite’ e qualche bizza. Devo dirti grazie per come hai saputo affrontare questa novità con una maturità che mi ha stupito e che è ci ha facilitato tanto le cose nella nuova vita a quattro.

Hai insegnato a Duccio a volerti bene e, grazie ai tuoi modi sempre dolci, oggi tuo fratello stravede per te e sei la prima persona che cerca, quando si sveglia e quando non ci sei.

Ti piace insegnargli parole nuove, giochi da grandi e vedervi crescere insieme è la nostra più grande soddisfazione. Quando Duccio ha compiuto 2 anni tutta soddisfatta mi hai detto: “Che bello, ora che è più grande, capirà più cose e potrà fare tanti giochi con me!”.

Oggi che hai 5 anni ho iniziato a condividere con te le mie passioni e vedere i tuoi occhi curiosi e desiderosi di scoprire il mio mondo mi riempie il cuore di gioia. Abbiamo cominciato ad andare al cinema insieme, a vedere ai musei, a vedere insieme Masterchef (il mio programma preferito) e a volte sei talmente matura che mi scordo la tua età.

Mi sembra quasi di parlare con una coetanea che fa osservazioni arguta, usa i congiuntivi e i periodi ipotetici e parla con una tale proprietà di linguaggio da impressionare anche me. Sei sempre così allegra e entusiasta di tutto ciò che ti proponiamo che fai venire davvero una gran voglia di viverla insieme questa vita!

La nonna dice che le ricordi tanto me da piccola ed io mi inorgoglisco tanto quando dice così. La verità è che hai preso il meglio di me e il meglio di tuo padre: hai la sua fisicità e la sua vitalità e la mia curiosità e la mia solarità.

Ed ora non vedo di festeggiare con te con il tuo vestito rosa da principessa che hai scelto tu, il trucco glitter che ha promesso di farti la dottoressa Gomitolo e i tuoi compagni di classe che tanto ci tieni ad avere. E ricorda sempre che la mamma ti adora, anche se nella quotidianità non te lo dice abbastanza, anche se il babbo è molto più bravo di me a fartelo capire con i suoi baci e le sue smancerie.

La mamma

Silvia Mastrorilli
@Silvia80Silvia
(Firenze, 11 gennaio 2019)

Leave a Comment